ORTODONZIA E GNATOLOGIA

Cosa e’ una malocclusione? Per malocclusione si intende un non corretto ingranaggio tra le arcate superiore ed inferiore dei denti.
Bisogna considerare che più del 90% della popolazione, sia maschile che femminile, ne è affetto. Ma soltanto una parte svilupperà nella vita dei segni e sintomi ad essa legata.

La malocclusione può essere la causa di alcune sintomatologie per il paziente, che spesso non è in grado di ricondurre a fattori odontoiatrici. Visto il carattere legato alla ricorrenza di certe affezioni, spesso la qualità della vita del paziente risulta alterata.

QUALE SINTOMI SONO LEGATI ALLA MALOCCLUSIONE DENTALE?

  • Cefalee muscolotensive di derivazione odontoiatrica;
  • Cervicale;
  • Senso di addormentamento/formicolio (al risveglio) delle dita delle mani;
  • Dolore spontaneo riferito ad alcuni muscoli di pertinenza masticatoria o del collo;
  • Bruxismo e /o serramento dentale;
  • Acufeni / Ovattamento uditivo.

La sintomatologia sopra descritta quando è derivata da fattori odontoiatrici dipende da un’alterazione della posizione del sistema “condilo meniscale” e quindi da una non corretta posizione della mandibola. Come conseguenza, si ha una contrazione anomala di alcuni muscoli masticatori e del collo, alterando il normale equilibrio posturale.

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLE MALOCCLUSIONI

LA VISITA

La prima visita gnatologica è fondamentale per l’ inquadramento della malocclusione e ci consente di definire se il paziente è affetto da disfunzione dell’Articolazione Temporomandibolare, comprendendo quindi la natura dei sintomi da esso riferiti.

LA SECONDA VISITA (CON ESAMI STRUMENTALI)

In caso di esito positivo della prima visita, per poter formulare la diagnosi finale al paziente, viene effettuata una seconda visita specialistica nella quale viene effettuata l’analisi del movimento mandibolare, detta CONDILOGRAFIA, la quale consente di individuare con precisione la posizione errata della mandibola e formulare così una nuova posizione, detta TERAPEUTICA, fondamentale per il trattamento del caso.

IL TRATTAMENTO

I trattamenti sono determinati in base alla situazione specifica da correggere e possono essere suddivisi in:

  • ORTODONTICI CON APPROCCIO GNATOLOGICO: Hanno come obiettivo lo spostamento dei denti in arcata, secondo la nuova posizione terapeutica precedentemente individuata.
  • ORTODONTICI PRE-PROTESICI: Hanno come obiettivo il ripristino dei piani occlusali, prima di rimettere i denti mancanti.
  • SINTOMATICI: Hanno come obiettivo la stabilizzazione occlusale alleviando e/o risolvendo i sintomi da essa derivata. Per raggiungere questo equilibrio utilizziamo un BITE detto ORTOTTICO.

Prenota qui il tuo appuntamento