Nuova armonia per il tuo sorriso e ritrovata stabilità per i denti naturali

Il problema delle gengive ritirate oltre a intaccare la naturale armonia ed estetica del sorriso è una grave minaccia alla stabilità dei denti che iniziano a muoversi per poi cadere definitivamente per mancanza di sostegno.

Per fortuna l’odontoiatria moderna è in grado di curare la regressione gengivale con un piccolo intervento di chirurgia (chirurgia mucogengivale) che, tramite un innesto di tessuto connettivo, può in breve tempo rigenerare completamente il margine gengivale compromesso; ridando stabilità al dente e ristabilendo l’equilibrio tra gengive (estetica rosa) e dentatura (estetica bianca).

Perché le gengive si ritirano?

La risposta è molto semplice, la causa è il tartaro non rimosso che oltre a depositarsi intorno ai denti penetra gradualmente al di sotto e al di sopra della gengiva, infiammandola e rendendo la sua rimozione pressoché impossibile con lo spazzolino, gli scovolini o il filo interdentale. Una volta penetrato sotto la gengiva il tartaro le impedisce di aderire e sostenere il dente, provocandone l’instabilità fino a causarne la perdita.

Cosa si può fare per evitare che il tartaro provochi questi danni?

La formazione del tartaro può essere solo rallentata da un costante ed efficace igiene dentale quotidiana che comprende l’uso di spazzolino, scovolino o filo interdentale, e collutorio. Tuttavia per eliminare in profondità i batteri ed evitare che il tartaro infetti la gengiva, sono necessarie periodiche sedute d’ igiene orale, generalmente una ogni sei mesi, per mantenere sotto controllo il livello di tartaro ed evitare lo sviluppo silenzioso di patologie come la parodontite.

Cos’è esattamente la parodontite?

La parodontite è una malattia molto diffusa, tra la popolazione adulta ed è causata principalmente dalla scarsa igiene orale, ma soprattutto dalla mancata rimozione di placca e tartaro che causano l’infezione della gengiva, provocandone sanguinamento e gonfiore prima e regressione nella fase più aggressiva. Gonfiore e sanguinamento, associati ad una costante alitosi, sono piuttosto indicativi dello sviluppo di questa patologia che, in forma lieve viene definita gengivite.

Quest’ultima spesso risolvibile con un trattamento di igiene profonda e che non necessita di interventi chirurgici.

In caso di progressione della malattia ed evoluzione in parodontite, si verifica un evidente abbassamento del margine delle gengive che mette a rischio la stabilità del dente. In questi casi andremo ad eseguire una rigenerazione tissutale tramite innesto di tessuto connettivo.

Come funziona esattamente la rigenerazione gengivale?

La rigenerazione della gengiva è un intervento che consente oggi di prevenire la perdita dei denti naturali la cui stabilità è stat però compromessa dalla diminuzione di sostegno dovuto alla distruzione della gengiva a causa della malattia parodontale. Nel nostro Studio dentistico in zona EUR Torrino/Mezzocammino ricorriamo al prelievo di una piccola parte di tessuto dall’interno della bocca del paziente ed in seguito lo innestiamo in corrispondenza della regressione gengivale, andando a coprire la radice dentale.

Tramite le sue particolari proprietà, il tessuto connettivo indurrà una reazione spontanea di rigenerazione della gengiva, consentendo un recupero totale dell’estetica rosa in tempi ottimizzati e ridando al sorriso l’equilibrio dei suoi colori .

Perché ricorrere alla chirurgia mucogengivale?

I vantaggi sono diversi:

  • ripristino dell’estetica dentale;
  • prevenzione della perdita di denti naturali
  • evitare l’estrazione di un dente non più stabili
  • evitare la sostituzione con impianto dentale e una protesi dentaria.

 

PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO